Monaco, una città a misura d'uomo


Diario di viaggio di Andrea


 

Si entra a Mittenwald, si passa per Garmisch-Partenkirchen e si sale fino al lago di Starnberg...

 

E' un tratto che io adoro fare in auto ed è d'obbligo menzionarlo dovendo poi parlare di Monaco di Baviera; è infatti il contesto in cui è inserita la ricca città tedesca a impreziosirne la bellezza e ad esaltarne la vivibilità.

 

Le Alpi, gli innumerevoli laghi e i grandissimi boschi che circondano Monaco le conferiscono un valore aggiunto che è una rarità, non una caratteristica nazionale; ed è ciò che si potrebbe osservare girando a 360° in sommità dell'enorme antenna TV, che sovrasta il capoluogo bavarese.

 

Tutto ciò è gia molto, ma è ancora riduttivo se si vogliono elencare i molti pregi di una città che, pur essendo decisamente popolosa, mantiene uno spazio-vita pro-capite che farebbe la felicità di ognuno. Aria, quindi, per ogni singolo individuo, che può comunque godere di una varietà di interessi che solo una grande e organizzata città può offrire.Il tutto gestito e regolato dalla proverbiale "cura del particolare" tedesca, che, girandoper la città, si traduce in piste ciclabili ed aree verdi, mezzi pubblici puntuali e che non infastidiscono chi vuole godersi la città passeggiando o andando in bici.

 

L'ordine che regola la moltitudine di gente che "usa" Monaco quotidianamente non opprime, ma è naturale per una città progettata per crescere ed espandersi (a differenza delle nostre metropoli ormai congestionate dal traffico). Viene seguita, infatti, una prassi consueta in Germania: l'interesse primario è riservato al pedone; poi, lontano dalla carreggiata delle auto, un occhio di riguardo è per il ciclista; infine, viene regolato con ottimi scorrimenti il traffico veicolare. UN LUSSO, avendo spazio!

 

Poi c'è lo sport, una cultura vera e propria che viene sponsorizzata tanto quanto l'istruzione scolastica; basti pensare che il bellissimo Olympiapark risale al 1972, ed è tutt'oggi una mecca per gli sportivi. Non c'è stagione che ridimensioni questo bel quadretto: dall'autunno all'estate non si può far altro che regolarsi con gli appuntamenti e godere della Baviera.

 

Sciare o andare in barca a vela: tutto è possibile a pochi chilometri fuori Monaco.

 

Che dire ancora? Musei, architettura contemporanea e arte barocca completano Monaco, rendendola affascinante agli occhi di un turista esigente e di gusti raffinati come quello italiano (che dovrebbe essere abituato all'arte...).

 

Infine ma solo per tributargli la giusta standing ovation, c'è l'impareggiabile Oktoberfest!!!!!!!!!! Praticamente una città ubriaca... di allegria: se il paradiso ha sembianze terrene, beh... secondo me un po' assomiglia alla magica festa della birra bavarese. Bisogna sicuramente andarci almeno una volta (all'anno!?!?!), anche se non è là che si degusta la buona birra. Per far ciò occorre frequentare le birrerie del centro, i biergarten o, meglio ancora, i monasteri come quello di Andechs.

 

Buon viaggio dunque und... PROSIT!

Andrea C.

Schio (VI)

Visita e scopri le attrazioni della Baviera

Monaco di Baviera
Baviera del Sud
Baviera del Nord
Itinerari

Iscriviti alla newsletter di TuttoBaviera!