Alla scoperta di Borstei

L'architetto e costruttore Bernhard Borst ha edificato tra il 1924 e il 1927 un nuovo "quartiere" nella periferia di Monaco. Il progetto prevedeva la realizzazione di depositi e laboratori per la sua ditta di costruzione, ai quali affiancare un insediamento abitativo destinato alla classe media.

 

La struttura prende il nome di Borstei, dal nome del fondatore e proprietario, e si presenta come un microcosmo, una città dentro Monaco. Borstei occupa una superficie totale di 68.690 mq che comprende 773 appartamenti, 268 garage, 46 posti auto, 14 negozi (tra i quali un curioso negozietto di abbigliamento e souvenir bavaresi), 1 caffé, 2 asili, 7 cortili oltre a 9 fontane e 51 statue.

Uno scorcio di Borstei

 

Si consiglia di visitare questo quartiere in primavera ed estate quando le piante, i fiori e le fontane disseminate nei numerosi cortili-giardini si presentano nel loro massimo splendore. Borstei colpì all'epoca per la modernità della concezione: nel 1928 il quartiere era servito da una propria centrale termoelettrica (la prima in Germania) e aveva il riscaldamento centralizzato, una lavanderia comune, uno staff di manutentori e il bidet nei bagni, assai raro in Germania.

 

La storia di Borstei è documentata in un piccolo museo nato nel 2006 su iniziativa della figlia del fondatore, Line Borst, e aperto al pubblico martedì, giovedì e sabato dalle 15 alle 18 (chiuso in estate e festivi). Borstei è invece sempre aperto e potete passeggiare liberamente, rilassandovi nei vari cortili e nel caffé. Per raggiungere Borstei (Dachauer Straße 140): tram 20 e 21, fermata "Borstei".

Iscriviti alla newsletter di TuttoBaviera!