Cerca | Contatti | Facebook | Newsletter | Webcam | Saluti Vip | Libri & Dvd | Foto & Video | Collaborare

Home       Introduzione       Ricerca Hotel       Case Vacanza       Visite Guidate       Oktoberfest       Mercatini Natale       Eventi       Voli       Camping

Monaco di Baviera       Castelli di Ludwig       Strada Romantica       Baviera Sud       Baviera Nord       Danubio       Itinerari       Extra Baviera

 

 

 

 

 

HomeMonaco di BavieraMusei e pinacoteche

Alte Pinakothek,

capolavori dal '300 al '700

 

La facciata principale

Tutto Baviera

 

La Alte Pinakothek (Vecchia Pinacoteca), oltre che ad essere una delle raccolte di pittura più importanti di Monaco, è un museo di fama internazionale. Meno conosciuta e blasonata del Louvre di Parigi o degli Uffizi di Firenze, è stata inaugurata nel 1836 e racchiude una grande quantità di quadri tanto celebri quanto quelli ospitati nelle sale dei colleghi francesi e italiani.

 

 

La Pinacoteca è l'eredità della politica artistica e culturale portata avanti per secoli dai Wittelsbach, la famiglia reale della Baviera. La nascita della Alte Pinakothek risale all'inizio del 1600 quando il principe elettore Maximilian I fece realizzare una Kammergalerie (galleria d'arte) nel palazzo della Residenz che custodiva quadri acquistati dal bisnonno Wilhelm IV, opere di Dürer e di altri pittori tedeschi. Nel 1689 Max Emanuel riesce ad acquisire 101 opere dei grandi maestri fiamminghi, tra cui 12 Rubens, e la spesa fu talmente alta che ci vollero ben 80 anni per pagarle tutte.

Nella prima metà dell'Ottocento Re Ludwig I, sovrano che influì grandemente per rendere Monaco uno dei principali centri culturali e artistici europei, acquistò la Madonna Tempi di Raffaello, numerose opere di altri grandi pittori italiani, tra i quali Giotto, Tiziano e Leonardo, e fece costruire l'attuale edificio della Vecchia Pinacoteca, un museo per rendere fruibile a tutti il patrimonio pittorico dei Wittelsbach.

 

La sala di Rubens

Tutto Baviera

 

La Alte Pinakothek è stata chiusa nel 1939 con l'inizio della seconda guerra mondiale e tutti i dipinti vengono successivamente spostati fuori dalla città per evitare che andassero distrutti dai bombardamenti. Nel 1957 si è svolta la solenne riapertura alla presenza del Presidente della Repubblica e di migliaia di cittadini.

Tra le circa 700 opere esposte nelle sale del museo, comprese tra il XIV e il XVIII secolo, si segnalano alcuni capolavori:

 

Peter Paul Rubens, Giudizio universale

Pieter Bruegel, Il paese della cuccagna

Albrecht Dürer, I quattro apostoli

Altdorfer, Battaglia di Alessandro e Dario a Isso

Rembrandt, Deposizione

Leonardo da Vinci, Madonna del garofano

Tiziano, Cristo incoronato sul trono

Raffaello, Sacra famiglia Canigiani

Giotto, L'ultima cena

Giambattista Tiepolo, Adorazione dei Magi

François Boucher, Madame de Pompadour

Anthony Van Dyck, La suonatrice di violoncello

Velázquez, Giovane gentiluomo spagnolo

 

Informazioni pratiche

 

Alte Pinakothek

Barer Straße 27

www.pinakothek.de

 

Apertura: Tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle 10 alle 18. Martedì fino alle 20

Domenica ingresso a 1 Euro (escluse le mostre temporanee)

Fino al 2018 alcune sale del museo saranno a rotazione chiuse al pubblico per

lavori di ammodernamento.

 

Chiusura: Martedì grasso, 1 maggio, 24, 25 e 31 dicembre

 

Mezzi pubblici: Tram 27 e 28, bus 100 "Pinakotheken"

Metropolitana U2 "Königsplatz" o "Theresienstraße"

 

Le altre collezioni di pittura a Monaco

   

 

Neue Pinakothek

 

Pinakothek der Moderne

 

Lenbachhaus

 

Museum Brandhorst

 

© 2016 TuttoBaviera | www.tuttobaviera.it | www.tuttovienna.info